Fenice

«Costruiremo una nuova auto!» urlò Theo entrando in casa. Sua nonna sobbalzò sul piccolo divano in stile Chippendale di velluto chiaro: unico mobilio comprato dalla fine della guerra. La madre di Theo, invece, sporse la testa dalla cucina dove stava facendo a fette il cavolo per cuocerlo con le due patate rimaste, e sorrise dell’esuberanza … Continua a leggere Fenice

Argentina

  Cosa dovrei scriverti. Una melodia? Una melodia… Non ne sono capace. Non ne sei capace? Cosa dovrei raccontarti. Una storia La tua? Una qualunque. C’eri una volta dentro di lei. E poi? E poi non c’eri più. Perché? Perché lei non poteva… Non poteva provare? No. Non sei una cosa da provare. Non ero … Continua a leggere Argentina